Accesso utenti  

Inserisci i tuoi dati di accesso, oppure registrati.

   
Giovedì, 13 Febbraio 2014 18:04

Come tutto ebbe inizio In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)

Il mio amico Duccio, finito il restauro della sua auto d'epoca, una Lancia Appia II serie del '57, decide di partecipare al suo primo raduno organizzato dal Club A.R.A.

Tira a lucido il suo gioiellino, fa il pieno di benzina, controlla la pressione delle gomme, livelli di tutti i liquidi... prepara il kit "pronto soccorso" (chiavi del 10, 13, 17, chiave snodata per le candele due paia di pinze, guanti in lattice, una serie di cacciaviti...candele, puntine e condensatore di riserva ecc) nel caso si manifestasse qualche problema ...

Si veste come il giorno della festa, fa salire Francesca, la sua ragazza, e si avvia a fare il suo debutto in società !!!!!
 
Non appena arrivato si mette ad ammirare gioielli di tutti i tipi, e pensa che la sua macchina in confronto a quelle esposte sia una macchinina a pedali.... 
 
In un angolo c'era parcheggiata un auto .. anche lei come tutte le sue "sorelle" tirata a lucido ...
E' un' auto su cui l'umanità non ha ancora deciso se è un capolavoro dell'ingegneria anni '50 / '60 oppure se si merita il premio Oscar di peggiore auto mai costruita in Italia (a dire il vero il premio Oscar non lo prenderà mai, perché l'auto più brutta italiana spetta di diritto all'Arna dell'Alfa Romeo).
Era una 600 Multipla !!!!! Basta uno sguardo ed è amore a prima vista ... FERMI!!!
Avete capito male... non è Duccio che si innamora, ma Francesca !!!!!!
In 5 minuti vuole sapere tutto... cerca il  proprietario... si informa e decide che vuole un'auto così!!!!!!!!
I giorni passano e la Signorina lavora in silenzio ... incomincia a cercare su internet .....
Finché un giorno fa una domanda a trabocchetto a Duccio:
"Senti... a che cifra la prenderesti una 600 Multipla da restaurare.... "
Duccio fa lo splendido: spara una cifra bassa per quello che è il prezzo medio di queste macchine .... e si sente rispondere "OK Il prezzo è giusto"
Pare che Duccio a quel punto, convinto di non essere al famoso gioco di Iva Zanicchi, abbia avuto 5 buoni minuti di smarrimento.
 
 
multipla invendita
 
Dopo una settima era proprietario del ferraccio più caro al KG che sia mai stato venduto (sue parole) !!!!!

Letto 1329 volte

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

   
© Tutti i diritti posseduti dall'autore. E' proibita la copia degli articoli se non previa richiesta e autorizzazione.