Accesso utenti  

Inserisci i tuoi dati di accesso, oppure registrati.

   
Lunedì, 30 Gennaio 2012 23:16

Gruppo di continuità

Scritto da 
Vota questo articolo
(3 Voti)

Domenica pomeriggio ho deciso che era l'ora di dare una controllatina al mio vecchio UPS che quando va via la luce non regge più il carico. Per verificare se il problema stesse nelle batterie ho deciso di smontarle. Apro quindi il coperchio senza staccare il dispositivo dalle rete e nel momento in cui stacco i connettori dalla batteria, uno scivola e sfregando con la scocca fa una bella scintilla. Il salvavita salta e l'UPS con un bel puzzettino di bruciato mi annuncia la sua dipartita.

Mi metto quindi a ricercare in rete informazioni per vedere cosa comprare ad una qualità decente senza svenarmi. Non vengo a capo di niente perchè se voglio andare su UPS blasonati ci vogliono alcuni fogli da 100€ e l'alternativa economica sta sui 100€ o poco più.

La grande differenza sta nel fatto che gli UPS di marca forniscono in uscita una forma d'onda sinusoidale, mentre invece quelli economici una pseudosinusoidale. Ad alcuni apparecchi la pseudo non piace molto. Ai miei forse piace perchè il vecchio UPS di sicuro non era a forma sinusoidale pura. Rimanendo con i miei dubbi passo la mano e rimando la decisione al Lunedì.

Arrivato il Lunedì mi rifaccio un giro per cercare di capire dove orientarmi e rimango sempre perplesso. Mi reco quindi al negozio di informatica e chiedo lumi in merito. Mi viene spiegato alcune cose e consigliato per le mie esigenze di prenderne uno economico piuttosto che uno di fascia alta. Il vecchio UPS che avevo, un Mustek 1400VA, mi ha servito per alcuni anni anche se non di marca quindi vado per la strada economica.

Facendo due conti sugli apparecchi collegati, relativamente ai loro consumi, opto per un Nilox Value 1120VA 560W.

L'UPS è molto semplice e scarno: sul frontale ha un unico pulsante che funge anche da led di segnalazione, sul retro ha una presa maschio per il cavo di alimentazione, 3 prese femmina per il collegamento di apparecchi, un connettore usb, un connettore RS232 e due prese RJ11 per la protezione telefonica. Al connettore USB è posssibile collegare il pc tramite un cavo USB del tipo adatto alle stampanti, non fornito, per poter controllare l'UPS tramite un apposito software scaricabile da http://www.ups-software-download.com/. Alla presa RJ11 è invece possibile collegare la linea telefonica per la sua protezione.

Il prezzo di acquisto è stato di 70€.

Un po dubbioso sulla qualità del prodotto lo porto a casa e lo metto sotto tensione. Prima di collegarci le utenze vorrei caricarlo, quindi per sapere lo stato di carica e tutti gli altri parametri decido di scaricare e installare il software di gestione e controllo. Il software una volta installato non mi vede l'UPS. Dopo un po di ricerche sui vari menù provo a passare in modalità ammniistratore, inrendo la password Administrator quando richiesto. In tale modalità compare nel menù la possibilità di fare unas consione delle porte per cercare l'UPS e così faccio. La ricerca è ababstanza lunghetta ma alla fine mi trova l'UPS e così posso vedere i parametri di funzionamento. Scopro subito che la batteria è al 100% e ilc arico ovviamente a 0%. Decido quindi di provare l'UPS.

Spengo tutte le mie periferiche e riconnetto all'UPS tutte le apparecchiature: due portatili (uno un po datata con centrino due, uno più moderno con un i3), un modem adsl, un router wifi, un NAS, un monitor LCD da 22", un pc fisso con un paio di HD, un masterizzatore e un i5 come processore.

Accendo le periferiche una alla volta e alla fine con tutto quanto sopra indicato acceso ho l'UPS caricato all'81%. I PC sono tutti senza fare niente, con il solo sitema operativo che gira. Per caricarli un po lancio sul portatile i3 e sul PC fisso la riproduzione di due film in HD e il 7zip su un file di 6GB: le cpu sono caricate oltre il 60% tutte e due e la scheda grafica è anch'essa sotto sforzo per la riproduzione dei due film HD. In queste condizioni l'UPS mi dice che è sotto carico all'86%.

Ritengo quindi che l'UPS sia più che sufficiente a garantirmi un paio di minuti di autonomia quando mi salta la corrente, e di sicuro non avrò mai i 3 PC accesi contemporaneamente.

A questo punto provo quindi a spengere il NAS e noto che guadagno con il suo spegnimento un 4% di carico. Spengo quindi anche il PC fisso e il monitor da 22" e vedo che guadagno un ulteriore 40% di carico.

Quindi che dire .... sembrerebbe che l'oggetto non sia così male e che se deve durare 2, 3, 4 anni il suo dovere l'avrà fatto senz'altro.

Letto 6735 volte
Altro in questa categoria: Google: cercare MP3, WMA, OGG »

Commenti   

 
google keyword tool
0 # google keyword tool 2014-09-22 05:17
Excellent beat ! I would like to apprentice while you amend your site, how can i subscribe for a weblog web site?

The account helped me a acceptable deal. I have been tiny bit acquainted of this your
broadcast provided bright clear idea
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
manicure
0 # manicure 2017-04-07 17:48
You can certainly see your expertise in the work you
write. The sector hopes for more passionate writers such as you who aren't afraid to say how
they believe. At all times go after your heart.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

   
© Tutti i diritti posseduti dall'autore. E' proibita la copia degli articoli se non previa richiesta e autorizzazione.